Bologna 40125, Italy
+39 347 517 719
info@htware.it

21 aprile 2015: cosa fare prima che l’usabilità per dispositivi mobili diventi un fattore di posizionamento (2)

UX Mobile: fattore di ranking dal 21 aprile 2015
UX Mobile: fattore di ranking dal 21 aprile 2015 (2)

UX Mobile: fattore di ranking dal 21 aprile 2015 (2)

[Torna alla prima parte]

Il conto alla rovescia verso la partenza del nuovo algoritmo di Google sulla ricerca mobile si avvicina alla scadenza e Neil Patel (Search Engine Land) prosegue indicando le sue caratteristiche e alcuni consigli per non farsi trovare impreparati: ecco la seconda parte.

L’algoritmo per il mobile scansionerà in tempo reale i contenuti: anche questa feature dell’aggiornamento è stata rivelata da Gary Illyes, ingegnere di Google, nel corso dell’ultimo SMX West.

Illyes ha spiegato che l’algoritmo valuterà in tempo reale la congruità dei siti con le linee guida di Google sull’usabillità per dispositivi mobili: questo significa che la data del 21 aprile non rappresenta l’unica possibile finestra di ingresso (o di uscita) dalle pagine dei risultati… Ogni momento, da quella data in poi, sarà buono per modificare il proprio sito e beneficiare in seguito delle modifiche apportate attraverso l’algoritmo mobile-friendly.

È ovvio che il 21 aprile Google assegnerà un punteggio negativo a tutti i siti non-mobile friendly, ma se la tua nuova versione del sito sarà on-line il 25 aprile, il punteggio assegnato cambierà con il passaggio successivo del crawler.

Segnali di ranking comuni tra mobile e desktop

Quelli che erano buoni segnali di ranking per il desktop, rimangono buoni anche per il mobile?

Secondo la faccia svizzera di Google, John Mueller, ci sono segnali di ranking che sono validi sia per le ricerche desktop, che per quelle mobile: tra questi la velocità di caricamento di una pagina (forse di importanza maggiore per il mobile) e l’algoritmo denominato TopHeavy, progettato per limitare il caricamento di pubblicità e inserzioni nella parte più alta del fold.

Secondo Patel, Google potrebbe comunque cominciare  differenziare alcuni fattori e dare a questi un peso diverso anche in funzione della piattaforma di provenienza.

Quali azioni compiere prima del 21 aprile 2015?

Prima di tutto occorre adattarsi al nuovo universo mobile-centrico del digital marketing: Google ha spalancato le porte e adesso occorre attraversarle.

La prima azione, pare ovvio, è quella di rendere il tuo sito mobile-friendly, utilizzando una progettazione di tipo responsive e, possibilmente, mobile first!

Secondo cercare di risolvere tutti i problemi di usabilità rilevati nelle GWT.

Terzo monitorare attentamente i tuoi risultati fino al 21 aprile e anche dopo, per valutare i cambiamenti.

Infine è importante continuare ad apprendere, testare e riadattarsi al flusso continuo dei cambiamenti nella ricerca: e tu sei pronto per il 21 aprile 2015?