Bologna 40125, Italy
+39 347 517 719
info@htware.it

Vota i peggiori miti della SEO nel 2014

Le migliori e le peggiori tecniche SEO 2015
I 10 peggiori miti della SEO

I 10 peggiori miti della SEO

Nel mito l’eroe vince e si copre di gloria, nel falso mito l’eroe non si vede oppure si copre di ridicolo.

La pubblicistica SEO (e non solo) vive e si nutre 24 ore su 24 di miti e leggende, alcune improbabili, poche mezze verità e rarissime constatazioni, basate su test e dati reali, poco distanti dalla realtà.

Spesso la difficoltà iniziale di chi si accosta a questo mondo è proprio quella di distinguere tra affermazioni supportate dai fatti e panzane millantate oltre oceano (ma anche oltre Po), arrivate fino a questa sponda rimbalzando tra strilloni e roadshow.

La cosa migliore in questi casi è quella di farsi guidare da un esperto, ma perché non coinvolgere attraverso i social media tutti gli esperti italiani del settore?

Il nostro web è pieno di infografiche e decaloghi che illustrano i falsi miti della SEO e recentemente si è cimentato nel genere anche Duane Forrester, ex Bing Webmaster Outreach Manager.

Ti consiglio anche l’ottimo Razvan Gavrillas (Cognitive SEO), ma come base per la ridefinizione partecipata dei peggiori miti della SEO, ho deciso di utilizzare il decalogo di Kaitlyn Macri (ImpactBnd), perché riflette meglio l’evoluzione subita dalla SEO negli ultimi due anni.

Ma siccome i decaloghi non sono mai esaustivi (nemmeno se vergati su pietra) e la lista dei peggiori miti della SEO non è chiusa e rimane aperta al tuo contributo.

Puoi votare uno dei dieci punti proposti da Macri oppure aggiungere il tuo falso mito e segnalare sui social network il sondaggio e i tuoi commenti. Puoi utilizzare anche la sezione commenti di questo post per esprimere la tua opinione.

Aspetto i tuoi feedback e magari anche le tue esperienze con i falsi miti della SEO…