Digital marketing trends
Digital marketing trends

È vero che il Digital Marketing funziona in modo molto simile al marketing tradizionale: il punto di forza di uno e dell’altro è quello di stare al passo con le nuove tendenze e con tutto quello che può fare la differenza nella competizione globale.

Se il tuo business, dice Liv Longley (Search Engine Journal), è al 100% on line, il Digital Marketing deve diventare parte dei tuoi piani e, se non hai ancora nessun collaboratore (fisso oppure a contratto) che si occupi di questo, la tua prima preoccupazione per il 2015 deve essere quella di ingaggiarne almeno uno…

Solo un professionista, questo è il succo del pensiero di Longley, può aiutarti a inseguire e a mettere in pratica queste 3 nuove tendenze del Digital Marketing nel 2015.

Marketing basato su immagini e video

“Content is King”, scrive Longley, ma non necessariamente deve essere contenuto scritto: molti casi di studio, infatti, mostrano come i consumatori preferiscano condividere pubblicità nella forma di video e di immagini e all’interno di piattaforme come Vine e YouTube.

Un video di alta qualità oppure un’attraente infografica richiamano molta più attenzione rispetto ad un post di 450 parole.

Questo significa che tutto il materiale pubblicitario che utilizzi (dalle newsletter al tuo blog) dovrebbe essere basato molto di più sulle immagini: questo non significa che devi abbandonare i testi scritti, ma dare spazio – ad esempio in un articolo di approfondimento – anche alla parte grafica.

Solo mobile, nient’altro che mobile

L’era mobile (n.d.R. secondo Google) è incominciata nel 2014: ma non tutti l’anno scorso erano pronti…

Oggi non c’è più tempo per rifletterci sopra: la maggioranza delle persone utilizza dispositivi mobili (smartphone e tablet) per navigare nel web e raggiungere il tuo sito web.

Non è vero, come scrive Longley, che l’era desktop si stia chiudendo, ma è sicuramente vero che è diventato obbligatorio assicurarsi che il layout di un sito web sia responsive, ovvero che si posso adattare a visualizzazioni ridotte e con un alto livello di esperienza utente (progettata intorno al dispositivo).

Progettare per il mobile richiede una sperimentazione continua e aggiustamenti successivi per perfezionare il layout: se non hai questo tipo di competenze nelle tue cerchie, è venuto il momento di assumere o ingaggiare uno sviluppatore esperto nella progettazione per mobile..

Pubblicità nativa o contestuale

La pubblicità nativa, secondo Longley, è l’unica forma di pubblicità on line: ovvero la pubblicità deve essere “nascosta” nel contenuto e sembrare parte di questo.

Ovviamente per questo tipo di operazione occorre stile e, soprattutto, uscire dai canoni classici della pubblicità: i contenuti devono avere uno scopo informativo, essere utili o anche solo divertenti.

In poche parole devono incentivare le interazioni e andare oltre il puro messaggio pubblicitario: il tuo pubblico è ormai sufficientemente smaliziato per riconoscere anche tra le righe, il tentativo di piazzare il tuo prodotto o il tuo servizio.

È importante quindi maneggiare bene questa forma di content marketing perché il successo ottenuto da un video oppure da un’infografica di questo tipo coglie due punti importanti: aumenta le visite sul tuo sito e la percentuale di successo dei tuoi sforzi di marketing.

Comments are closed.