Bologna 40125, Italy
+39 347 517 719
info@htware.it

Sondaggio per una mappa condivisa e aggiornata della SEO in Italia

Le migliori e le peggiori tecniche SEO 2015
Mappa condivisa e aggiornata della SEO in Italia

Mappa condivisa e aggiornata della SEO in Italia

Altrove, ma più che altro nel mondo anglosassone, i sondaggi sono all’ordine del giorno per verificare cosa pensa, come si muove e come si sposterà il ventre molle del mestiere di SEO. Per un esempio su tutti si veda Industry Survey 2014 di Moz.com (ne trovi uno per ogni anno).

In Italia, pochi hanno capito se la SEO sia un mestiere da nerd oppure da pierre (io propendo per la razza bastarda, con un filo di cultura classica), ma soprattutto mi sembra che ci sia ancora poca consapevolezza di essere parte di una comunità, dove la condivisione delle esperienze è solo il primo passo per una crescita sana di questa professione.

Come per molte altre professioni, in Italia, vale più il senso di appartenenza ad una parrocchia piuttosto che ad una comunità di intenti (non me ne voglia per questo il collega Giorgio Taverniti).

L’obiettivo di questo sondaggio è quello di aprire una breccia e riuscire a collegare insieme mondi fino ad oggi rimasti distanti: i SEO specialist della grande industria, i consulenti freelancer/polivalenti e gli scribacchini d’agenzia.

A partire da oggi, e con il tuo aiuto, vorrei raccogliere, attraverso questo breve sondaggio: dati, opinioni e linee di tendenza diffuse tra gli esperti e i praticanti di SEO in Italia per formare una mappa a uso e consumo di neofiti, consulenti consumati e semplici appassionati.

Secondo un mio personalissimo sondaggio i “professionisti” in questo settore, in Italia, sono diverse migliaia: non ti chiedo un outing da terapia di gruppo, ma solo di contribuire a formare un’idea condivisa di questo mestiere.
Ti ringrazio in anticipo per il contributo che potrai dare mettendo un link, facendo girare il post o semplicemente parlandone con un collega.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2 risposte

  1. Emanuele ha detto:

    Ciao Marco,
    sondaggio interessante, un paio di cose:
    – nella domanda 2, manca l’aspetto forse (tuttora) fondamentale nel posizionamento organico, la link building…è voluto? 🙂
    – il successo di una strateguia di web marketing sono ovviamente le conversione, che (purtroppo o per fortuna) non dipendono solo dai visitatori qualificati che possono provenire dalla SEO…quindi io risponderei: visitatori unici, posizionamento, anche se la risposta prima sarebbe “conversioni” 🙂

    • Marco Angelucci ha detto:

      Ciao Emanuele,
      penso che il link building sia la risultante di una strategia di content marketing e di buone relazioni (pubbliche e sociali), difficile collocarlo in una checklist: forse manca la link analysis…

I commenti sono chiusi.