Bologna 40125, Italy
+39 347 517 719
info@htware.it

UX: Il ruolo chiave dell’esperienza utente nel futuro della SEO (1)

Il futuro SEO è l'esperienza utente (3)
Il futuro SEO è l'esperienza utente (1)

Il futuro SEO è l’esperienza utente (1)

È ormai chiaro, da qualche anno a questa parte, che la SEO non ha solo risvolti tecnici e non sono sufficienti semplici accorgimenti sui contenuti (es. tag tradizionali e semantici) per avere successo sui motori di ricerca.

Il panorama SEO, scrive Dario Zadro (Search Engine Journal) è stato fortemente condizionato dagli ultimi aggiornamenti rilasciati da Google e, che ci piacciano o no, indicano la direzione che seguiranno anche tutti gli altri motori di ricerca.

Un fattore ha preso il sopravvento su tutti gli altri: l’esperienza utente. Relegando molte delle tecniche e delle strategie tradizionali a “mero ruolo di supporto”.

Anche la scelta delle keywords non è più decisiva per una strategia di lungo termine: la query di ricerca infatti la (ri)scrive Hummingbird, riportando la domanda al suo significato (c.d. semantica) piuttosto che ai termini esatti di cui è composta.

Questo fa in modo che i nostri obiettivi siano sempre in movimento: benché possa essere a volte frustrante, secondo Zadro, non è necessariamente una cosa pessima.

“Il nostro obiettivo principale, spiega Zadro, è quello di attirare visitatori e convertirli in clienti”.

Per fare in modo che ciò avvenga, hai bisogno di qualcosa in più rispetto a qualche linea di codice, anche se ben sviluppata.

Devi creare un’esperienza che faciliti l’ingresso delle persone, che stuzzichi i loro interessi, i bisogni, le loro preoccupazioni e che, come risultato finale, le induca a convertirsi.

In breve devi ASSOLUTAMENTE creare un’esperienza utente (UX) unica e che soddisfi i tuoi visitatori.

Non si tratta di abbandonare tutto quello che hai imparato fino ad ora sulla SEO on-page.

Le parole chiave che hai scelto, le immagini, i meta dati e i tag rimangono le fondamenta del tuo sito web e saranno sempre una parte importante della tua strategia SEO. Ma la continua evoluzione di internet, scrive Zadro, renderà l’ottimizzazione on-page semplicemente il motore essenziale che guiderà l’esperienza utente.

Pensa al tuo sito come un’auto sportiva e di lusso: la SEO on-page è insieme il motore e la struttura del tuo bolide. Senza di questo sarebbe solo un bel telaio, senza stoffa: quello che la può rendere come una Lamborghini è lo stile, la velocità e la reputazione (brand). Una Panda (con tutto il rispetto per il veicolo Fiat più venduto al mondo), anche se montasse un motore Lamborghini, rimarrebbe pur sempre una Panda…

Devi comunque essere sicuro che tutti i componenti on-page del tuo sito web siano nel posto giusto e verificati con opportuni content audit: poi torna dai tuoi visitatori e comincia a dedicare il tuo tempo alla loro esperienza sul tuo brand.

[Vai alla seconda parte]