Bologna 40125, Italy
+39 347 517 719
info@htware.it

Google Penguin 3.0: gli ingegneri di Google stanno preparando il nuovo aggiornamento

Il terzo Pinguino
Il terzo Pinguino

Il terzo Pinguino

La fucina di Google è al lavoro per terminare gli ultimi test su Google Penguin 3.0.

Questa volta non si tratta di una speculazione o di un annuncio shock di Matt Cutts, capo della Search Spam di Google (e attualmente in ritiro sportivo).

L’annuncio è arrivato martedì ,da John Mueller durante l’hangout di Google Webmaster Central Office hours e lo riporta Jennifer Slegg dalle pagine del suo blog: The Sem Post.

Parlando di algoritmi e della loro frequenza di aggiornamento, Mueller ha pescato dal cilindro la notizia: nelle officine di Google c’è grande fermento intorno ai test sull’uscita della versione 3.0 del noto demolitore di badlink.

Secondo Slegg si tratta di un’ottima notizia per tutti coloro che 9 mesi fa sono stati penalizzati dall’ultimo lancio dell’animaletto acquatico.
Se questo aggiornamento segue la stessa logica dell’ultimo Panda, significa che non ci saranno solo vittime e feriti, ma anche riscatto e possibilità di riparare le falle.

“Alcuni algoritmi, ha detto Mueller, sono leggermente più problematici di altri, perché dobbiamo controllare due volte i risultati che producono e il Pinguino è uno di questi”.
Più che tempi di controllo, sembrano tempi di stagionatura: il nuovo pinguino nasce infatti dopo una gestazione di circa 9 mesi…

Ma ormai ci siamo ed entro breve, come promesso da Cutts entro l’estate, ci ritroveremo a benedire oppure a maledire i nuovi “fattori di declassamento”.

L’unica incertezza è la data esatta del lancio: a proposito invece delle sue qualità, Slegg ha pochi dubbi.
L’algoritmo Pinguino, scrive Lady Sem, è stato progettato per abbassare la visibilità dei siti di “black hat” e il loro spam sui risultati delle ricerche: sia con tecniche tradizionali (es. keyword stuffing), sia con tecniche più sottili e difficili da stanare.

L’aggiornamento più recente del Pinguino è stato rilasciato il 4 ottobre 2013, nella sua quinta versione, conosciuta al secolo come la versione 2.1 di Google Penguin.

Di seguito il video integrale dell’hangout di John Mueller, con i suoi ospiti.
Buona visione!