Bologna 40125, Italy
+39 347 517 719
info@htware.it

Google RankBrain: la macchina, l’utente e i risultati “intelligenti” (1)

Google RankBrain
Google RankBrain

Google RankBrain

RankBrain: il cervello di Google che apprende sfruttando le proprie connessioni

Sono passati più di 6 mesi dall’annuncio e già alcuni mesi dal suo lancio ufficiale, ma il Cervello di Google (alias Google RankBrain), non ha bucato lo schermo e – dallo scoop di Bloomberg in poi – la notizia non ha sconvolto il mondo, almeno non tanto quanto il mobile-friendly-update.

Curioso… dal momento che questa nuova parte dell’algoritmo di Google viene segnalata dei suoi stessi ingegneri (ascoltate con attenzione cosa dice Greg Corrado, Google Senior Research Scientist), come il terzo fattore di ranking più importante nella formazione dei risultati di una query.

Ne hai sentito parlare quindi, molto probabile… Ma non ti sei impegnato abbastanza per capire se (e come) questo possa influire sui risultati di una ricerca.

Quattro mesi di corsa (su e giù per le query digitate dagli utenti) forse non sono ancora sufficienti per testare in modo completo gli effetti di questo algoritmo e tentare di smontarlo pezzo dopo pezzo per deduzioni: vale allora la pena di cominciare dall’inizio e fare un po’ di chiarezza, in questo momento d’oro (mentre nessuno strilla per l’arrivo del #BrainGeddon).

Danny Sullivan, fondatore di Search engine Land, ha scritto un ottimo vademecum, su cosa sia RankBrain e, soprattutto, su cosa non sia: estremamente didascalico, all’altezza di un pubblico americano, ma alla fine utile per tutti…

Che cos’è RankBrain?

RankBrain è il nome che Google ha assegnato ad un sistema di apprendimento automatico (machine-learning) e intelligenza artificiale, che utilizza per processare i risultati della ricerca.

Che cos’è l’apprendimento automatico?

Quando un computer insegna a se stesso come fare qualcosa, piuttosto che ricevere insegnamenti da esseri umani o seguire una programmazione dettagliata: questa è una machine-learning.

Che cos’è l’intelligenza artificiale?

La vera intelligenza artificiale, AI negli acronimi da romanzo di fantascienza, si presenta quando un computer può essere tanto intelligente quanto un essere umano, almeno nell’acquisire conoscenza sia attraverso l’insegnamento, sia attraverso la costruzione di connessioni tra le cose già acquisite.
Nel mondo reale di parla di intelligenza artificiale quando un software di sistema è progettato per apprendere e creare connessioni.

I due termini, machine-learning e AI, sono usati da Google come sinonimi: la vera domanda cruciale è un’altra: RankBrain è un nuovo algoritmo di Google (insieme di istruzioni utilizzate per ordinare i miliardi di pagine che su un tema e trovare solo quelle ritenute più rilevanti per richieste – query – particolari) per posizionare i risultati di una ricerca?

Secondo Sullivan, la risposta è no. RankBrain è solo una porzione di un più ampio algoritmo di posizionamento.

[Vai alla seconda parte]