Bologna 40125, Italy
+39 347 517 719
info@htware.it

Local SEO e Google+: ottimizza il tuo profilo per le ricerche locali

google plus local
google plus local

google plus local

SIM Partners è una società americana di servizi di local marketing, che – oltre ad occuparsi di affari per migliaia di piccole e medie aziende americane – ha pubblicato un libro di casi di studio su Google+ e l’ottimizzazione per le ricerche locali.
Sicuramente la fonte ha qualche interesse da difendere in materia, ma i dati che snocciola sono interessanti. Infatti, anche se l’obiettivo di tutta l’operazione ruota intorno alla dimostrazione che una buona strategia di ottimizzazione per le ricerche locali può dare elevati ritorni e dividendi, i dati aggregati provengono direttamente dal vissuto di un mercato e si confrontano con un tessuto economico reale.

La premessa è che l’utilizzo di Google da parte di consumatori locali sia in costante aumento. Secondo un rapporto di MDG Advertising, il 59% dei consumatori usa Google, almeno una volta al mese, per cercare una qualche azienda locale, il 50% di tutte le ricerche su mobile sono effettuate con la speranza di trovare risultati locali e il 61% di queste ricerche si trasforma in un acquisto.

Quello che conta, per fare in modo che il nostro business localizzato in un territorio possa posizionarsi nella zona più alta dei risultati, è una presentazione completa e dettagliata dell’azienda attraverso il profilo di Google+. Con le tecniche che di seguito vi riportiamo, SIM Partners è riuscita a far decollare sui risultati delle ricerche ben 315 piccole aziende americane.

1. Crea una descrizione personalizzata per ogni sede

Quando definisci la descrizione dell’azienda, per ogni sua sede, concentrati sulle parole chiave e sui termini che il mercato di riferimento utilizza quando effettua una ricerca: non è necessario dilungarsi nella spiegazione di quei servizi e di quei prodotti che ti differenziano dalla concorrenza.
Da poco Google ha eliminato il limite dei caratteri per la descrizione, è consigliabile comunque mantenere le descrizioni brevi e di impatto.

2. Aggiungi qualche informazione in più (es. foto, video, etc.)

Poichè ci sono sempre fluttuazioni nell’algoritmo locale, è essenziale monitorare le prestazioni delle foto legate al profilo dell’azienda, perchè il numero e soprattuto la loro qualità potrebbe incidere sia positivamente, che negativamente sul suo posizionamento.
Siccome la foto principale dell’azienda è anche la prima che gli utenti vedranno, è essenziale che sia una fotografia di impatto e che susciti attrazione.

Tra le informazioni aggiuntive è consigliabile anche aggiungere gli url di pagine, anche esterne al sito dell’azienda, dove però il sito o l’azienda vengono citati.

3. Identifica e rimuovi gli inserimenti duplicati

Una stessa azienda con due profili diversi, si mette in concorrenza contro se stessa, senza contare il fatto che uno dei due profili potrebbe contenere informazioni non corrette. Il posizionamento nei risultati di un’azienda potrebbe infatti soffrire se ogni recensione, numero di visitatori e citazioni fossero divisi per due.

4. Identifica siti esterni dove la presenza di un tuo link può migliorare il posizionamento in Google

Google utilizza diversi fattori, al di fuori del contenuto della pagina, per determinare i risultati locali. Non solo controlla se altri siti citano il nome dell’azienda, ma cerca anche informazioni per capire se il sito web è affidabile. In ragione di questo è essenziale identificare i siti esterni che possono avere l’influenza maggiore e richiedere a questi l’iscrizione nelle directories locali.

5. Modificare ogni profilo di sede con una certa frequenza

Così come in qualsiasi altra strategia di digital marketing, è essenziale mantenere sotto controllo il profilo. L’inizio del processo di ottimizzazione richiede la maggior manutenzione. Quando la posizione inizierà a migliorare, l’attività di manutenzione calerà di conseguenza, ma le aziende dovrebbero continuare a tenere traccia delle tendenze nei volumi di ricerca e delle query che potrebbero influenzare la loro visibilità positivamente o negativamente.

I risultati di SIM Partners

Google ranking and Google+

Google ranking and Google+

Prima dell’attività di ottimizzazione, le imprese analizzate si classificavano tra le prime sette posizioni, solo con il 26 per cento delle loro combinazioni di parole chiave. Solo l’8 per cento delle combinazioni si classificava entro le prime due posizioni.

A seguito dei miglioramenti effettuati sui profili delle imprese, sono aumentate del 179% le aziende classificate entro le prime 7 posizioni e del 399% le aziende classificate entro le prime due posizioni.