Bologna 40125, Italy
+39 347 517 719
info@htware.it

Ecco il Panda 4.0! Nello stesso giorno doppio aggiornamento degli algoritmi di Google…

Google Panda 4.1
Doppio aggiornamento di Google

Doppio aggiornamento di Google

Due al prezzo di uno?! Non si tratta di un’offerta da prendere al volo, ma di un fatto ineludibile e che non si può rifiutare…

Google ha annunciato nello stesso giorno un doppio aggiornamento: da una parte l’attesissimo Panda 4.0 dall’altro il secondo aggiornamento dell’algoritmo soprannominato “Payday Loan“, nome tratto da una delle query più diffuse e a maggior tasso di spam tra i risultati (letteralmente: “prestito sul giorno di paga”).

Il Panda era senza dubbio quello più atteso e maggiormente “gufato” dagli esperti del settore: l’annuncio è stato dato da Matt Cutts, capo della Search Spam di Google, con un tweet essenziale e con meno di 140 caratteri: “Google sta iniziando oggi a far girare il nostro aggiornamento Panda 4.0″.

L’algoritmo Panda è stato progettato, ormai già tre anni fa, per impedire ai siti con contenuti di bassa qualità di raggiungere le posizioni migliori nei risultati di una ricerca. In realtà, secondo Barry Schwartz (Search Engine Land), si tratterebbe del 13° rilascio, partendo dalla prima release avvenuta il 24 febbraio 2011.

Ma il Panda, come il Pinguino non è un algoritmo di sistema: entrambi sono algoritmi che vengono lanciati periodicamente con il compito di rimuovere o penalizzare siti con contenuti oppure link di bassa qualità: mentre il Pinguino, viene lanciato con una frequenza minore, il Panda invece ha vissuto, almeno nell’ultimo periodo, una vita piuttosto frenetica, con lanci a cadenza quasi mensile.

In realtà, il lancio avvenuto ieri, non è stato un semplice lancio per rinfrescare i dati di Google (come quasi tutti i precedenti), ma un vero e proprio aggiornamento di algoritmo: ovvero Google ha modificato il modo in cui il Panda identifica i siti da penalizzare.
Sempre Schwartz, riporta alcune voci raccolte direttamente dai corridoi di Mountain View: si tratta della versione più morbida e cordiale del Panda tanto attesa dal mondo SEO? La risposta da Google è stata questa: “sembra che questo aggiornamento sia più cordiale per alcuni siti, ma sicuramente è servito per gettare le basi per futuri cambiamenti in questa direzione”.

Inoltre la stessa gola profonda ammette che il Panda 4.0 colpirà lingue diverse, in modo differente: l’impatto atteso per i siti di lingua inglese, per esempio, sarà sul 7,5% circa delle query di ricerca. Non così morbido, quindi… ma in una misura tale che anche l’utente più comune potrebbe accorgersi della differenza.

Nello stesso giorno Google ha confermato anche il rilascio di un altro aggiornamento di algoritmo, avvenuto durante il week-end: la versione 2.0 del “Payday Loan”.
Nonostante non sia correlato in alcun modo al Panda e al Pinguino, questo algoritmo mira a disincentivare i risultati di spam per query di ricerca ad alto tasso di rischio (appunto query per la ricerca di prestiti, materiale pornografico, etc.).

La prima versione di questo algoritmo è stata lanciata circa un anno fa, l’11 giugno 2013: allora Matt Cutts in persona (nel video che qui sotto ti ripropongo) diceva che avrebbe avuto un impatto solo sullo 0,3% del query lanciate negli USA, arrivando ad un impatto di circa il 4% per le query in lingua turca, dove (a suo dire) il fenomeno dello spam è tipicamente alto (sui prestiti o sulla pornografia?!).