Bologna 40125, Italy
+39 347 517 719
info@htware.it

Perché alcuni strumenti della ricerca di Google vengono licenziati in tronco?

Fine dei giochi per la rete di link SAPE
Licenziati da Google!

Licenziati da Google!

“Google rimuove spesso funzionalità e altri servizi dai risultati della sua ricerca”.

Barry Schwartz (Search Engine Land), osserva con attenzione quello che si muove intorno a Google e alle sue gole profonde.

La rivelazione che ha raccolto attraverso Jon Wiley, progettista capo di Google, nel thread di Reddit, “Ask Me Anything” (Chiedimi qualsiasi cosa), non è di quelle sensazionali, ma può aiutarti a capire “per quale motivo Google decide di rimuovere funzionalità che la gente adora“.

La modifica più recente che viene sottoposta a Wiley riguarda il “licenziamento” del filtro sulla ricerca per i forum di discussione, silurato già da gennaio 2014 insieme ad altri tagli orizzontali.
Sulla richiesta specifica Wiley non si sbilancia, dal momento che non è stato coinvolto in quella decisione, ma risponde comunque in termini più generali sul motivo per cui Google decida di abbandonare in blocco alcune funzioni, divenute con il tempo, molto popolari.

“Quando aggiungi qualcosa, dice Wiley, nessuno si lamenta: se quello che aggiungi non diventa popolare, semplicemente verrà ignorato. Ma se rimuovi qualcosa, specialmente su Google, le persone lo notano: anche se solo una piccola frazione di persone perde qualcosa e solo una frazione ancora più piccola si lamenta, questa comincia a crescere come una marea che si oppone alla rimozione”.

“Potrebbe essere più facile lasciare tutto al suo posto e non rimuovere nulla, ma questo non è possibile”. Secondo Wiley questo tipo di approccio porterebbe alla realizzazione di “bloatware” (software la cui accessibilità è ridotta da risorse di spazio e di memoria utlizzate in eccesso).

Un array ingombrante di moduli montati uno sopra l’altro, che non funziona bene con le nuove tecnologie (es. il mobile, gli aggiornamenti di sicurezza, le nuove gesture, etc.) e che non serve nemmeno ai tuoi utenti.

Poi bisogna tenere conto dei costi: “niente può essere dato senza costi”. Wiley elenca tra questi: la manutenzione, il supporto per lingue multiple e dispositivi multipli, le complessità aggiuntive che si potrebbero rivelare solo nella fase di test.
Costo che deve essere bilanciato con il suo impatto: questa funzione sta risolvendo un problema importante per un sacco di persone?

Dal punto di vista utente, anche Wiley ammette di avere perso funzionalità che adorava: “ma questo, scrive (come se fosse un medico di E.R) è la parte più dura e la più importante del lavoro di un progettista software: decidere cosa tagliare, per poter andare avanti”.
A volte il taglio è abbondante, ma Wiley assicura che il suo lavoro è quello di misurare l’impatto e ottenere un equilibrio corretto. “A volte ci sbagliamo ed è per questo che è importante che la gente parli. Noi ascoltiamo veramente tutti e diamo la priorità a ciò che potrebbe soddisfare la stragrande maggioranza dei bisogni, entro le nostre capacità”.

Angolo vintage: qual’è la funzionalità rimossa di Google a cui ti eri più affezionato?

Qui puoi trovare qualche suggerimento e una piccola anticipazione del menu classico della domenica.