Bologna 40125, Italy
+39 347 517 719
info@htware.it

Yandex escluderà i backlinks dai fattori di posizionamento di un sito nei risultati

Yandex vs Google
Yandex elimina i backlinks

Yandex elimina i backlinks

Yandex, il motore di ricerca russo che domina il paese di lingua madre con il 64% di share, ha annunciato l’introduzione di un aggiornamento per l’algoritmo di posizionamento del motore di ricerca: a partire dai primi mesi del 2014, Yandex lancerà l’aggiornamento che escluderà dai fattori di posizionamento di tutti i siti commerciali, i loro backlinks.

L’annuncio è stato dato ieri dal capo della Web Search di Yandex, Alexander Sadovsky, durante la IBC (Internet Business Conference) di Mosca.
Se nel mondo occidentale si discute, ci si divide (e normalmente si annacquano le decisioni), nella terra più estesa d’Oriente i cambiamenti invece sono drastici e porteranno, anche nel breve termine, a cambiamenti notevoli nei risultati delle ricerche.

La scelta radicale è nata anche per ragioni contingenti: la versione russa dell’algoritmo di pagerank è da tempo nota ai consulenti di SEO Internazionale per essere meno restrittiva e quindi più aperta a contenuti spazzatura e soprattuto a link di livello rasente allo spam. Questo, se da un lato ha facilitato molti digital marketers smaliziati, dall’altro ha abbassato notevolmente il livello di qualità dei risultati forniti.

Sadowsky ha ammesso che dopo numerosi test, Yandex ha valutato che la soluzione migliore fosse quella di eliminare il valore dei link esterni ricevuti da un sito web: il cambiamento nell’algoritmo riguarderà solo ed esclusivamente le ricerche e i risultati per siti commerciali, per i siti di carattere solo informativo non ci sarà nessuna modifica, poiché si presume che questa tipologia di siti abbia un profilo di backlinks generati in modo naturale.

Il nuovo algoritmo è già stato testato ripetutamente e, secondo Sadowsky, “restituisce risultati decenti: ogni tanto, anche risultati migliori rispetto all’algoritmo corrente, tutto questo nonostante non siano più conteggiati come fattori i link esterni”.

Yandex è stato il primo motore a introdurre, già dal 2009, un sistema di auto-istruzione dell’algoritmo vicino all’intelligenza artificiale (MatrixNet): il motore di ricerca è in grado di apprendere, attraverso le scelte e le preferenze degli utenti sulle SERP, quali risultati un utente si potrebbe aspettare ed è in grado di rifinire i risultati basandosi su ciò che ha appreso.
Inoltre l’algoritmo di Yandex si presenta come un insieme complesso di fattori, circa 800 contro i 200 di Google e, tra questi, i fattori influenzati dai backlinks sono appena 50.

Il problema, non affrontato da Sadowsky è che non esiste una linea guida ufficiale (o anche solo semi ufficiosa) di questi fattori. Per una breve presentazione e conoscere qualche tip in più, troppo simili però alle linee guida quasi ufficiali di Google, vi rimando a questo link: How to optimize for Yandex: SEO ranking factors

 

Una risposta.

  1. Markiyan Yurynets ha detto:

    Uhm, sicuramente un passo avanti molto grande nella Seo. Ma credo che dentro le parole di Yandex ci fosse qualche cosa di nascosto o meglio dire questa grande notizia alla fine del 2013 sicuramente farà diminuire i budget di vari SEO in Linkbuilding.

    Ora come ora Yandex seleziona un sacco la fonte di link, però li considera ancora. Come lo ha sempre fatto. La prima descrizione di un mondo “senza link” è quella del 2005 ma da li fino ad ora abbiamo sempre usato anche questo fattore per essere posizionati. E’ un ciclo, un lavoro complesso. Semplicemente ora si farà più fatica ma continuiamo ad usarlo.

    Markiyan Yurynets

I commenti sono chiusi.